Rewriters Magazine n. 4

Rewriters magazine è un oggetto editoriale primo e unico nel suo genere: libro-rivista mensile autoprodotto e distribuito in print on demand, con un packaging da collezione grazie alle copertine realizzate dagli artisti italiani Sten Lex – scelti da Banksy al The Cans Festival, ha l’ambizione di riscrivere la materia dell’oggi a partire da musica, arti e letteratura.

In questo numero gli articoli di:

Franco Bolelli, Michele Serra, Gabriele Romagnoli, Marino Niola, Antonio Manzini, Ernesto Manfrè, Carmine Saviano, Annalisa Nicastro, Eugenia Romanelli, Ernesto Assante.

La copertina del n.4 di Sten Lex

Responsabile Editoriale: Ernesto Assante
Direttore Responsabile: Eugenia Romanelli
Condirettore: Vera Risi
Direttore Editoriale: Annalisa Nicastro
Progetto Grafico: Ilaria Cazzola
Copertina: Sten Lex
Powered By: Artist First


Le copertine di Rewriters magazine sono edizioni speciali realizzate appositamente per la nostra pubblicazionedi opere d’arte di Sten Lex: Ogni opera sarà acquistabile direttamente sul sito degli artisti a partire dal giorno dopo la pubblicazione del nostro magazine.

Sten e Lex aderiscono al movimento culturale Rewriters come sostenitori del nostro progetto di riscrittura dell’immaginario contemporaneo e Rewriters è fiero di sostenere il loro lavoro cominciato in strada, a Roma, negli anni 2000. Già prima di diventare parte del paesaggio urbano di altre città come Londra, Parigi, Barcellona, New York, le loro opere erano già molto note per via della tecnica dello stencil, espressione artistica innovativa per quegli anni, che hanno fatto di Sten e Lex i primi diffusori dello “stencil graffiti” in Italia.
Dopo essere stati arrestati nel 2005 per illegal art, interrompono per alcuni anni la tecnica dello stencil per dipingere a pennello enormi ritratti su fogli di carta velina di 4-5 metri, e da lì diventano i primi artisti dello “stencil poster” del nostro paese.
Dal 2008 i lavori di Sten e Lex iniziano ad essere realizzati su intere facciate di palazzi: “Papa che dorme” a Piazza Magione a Palermo, “Miss Nor Tronic” a Stavanger, o ilvolto di un ragazzo di 700 metri quadrati a Køge in Danimarca, uno dei più grandi stencil mai realizzati al mondo.
Nel 2008 vengono invitati da Banksy al The Cans Festival insieme ad altri trentanove street artists del mondo.
Nel 2012 realizzano una facciata esterna del Museo Macro di Roma e nello stesso anno espongono i loro lavori nella galleria Magda Danysz di Parigi. Nel 2014, l’Istituto di Cultura Italiano li supporta per realizzare una facciata a Shangai dal titolo “Vulcano” e nel 2014 realizzano “Arazzo” al Foro Italico di Roma. Da lì nei musei di arte contemporanea di tutto il mondo.