Writers Factory

Scuola delle Scritture
Ursula Le Guin

Nel gennaio 2019, Eugenia Romanelli ha fondato, dirigendola, la prima scuola europea delle scritture, Writers Factory, dedicata alla scrittrice visionaria americana, Ursula Le Guin, nel primo anniversario della sua morte.

Oggi la scuola insegna l’uso della parola, della scrittura, della narrazione e del discorso declinato in ogni forma e funzione possibile, con la mission etica (la scuola non è a fine di lucro) di creare una nuova generazione di autori capaci di ibridare i mestieri, i talenti, le attitudini, le professionalità, proprio come richiede il nuovo mercato culturale internazionale.

Tra i docenti, nomi che hanno fatto la storia di questa generazione, pronti a rimettersi in gioco, con una didattica peer to peer, per costruire insieme, docenti e discenti, un futuro inclusivo, dinamico, resiliente, basato sulla forza del pensiero divergente: tra gli altri, David Riondino (vicedirettore della scuola), Peter Gomez, @Osho, Vladimir Luxuria, Milo Manara, Vauro, Sergio Staino, Stefano Benni, Margherita Buy, Ascanio Celestini, Laura Morante, Neri Marcorè, Paolo Virzì, Edoardo Albinati, Donatella Di Pietrantonio, Rosella Postorino, Melania Mazzucco, Michela Murgia, Elena Stancanelli, Sandro Veronesi, Ernesto Assante, Stefano Bollani, Niccolò Fabi, Valerio Magrelli, Rancore, Marina Rei, Davide Rondoni, Lucia Annunziata, Bianca Berlinguer, Marco Damilano, Antonio Padellaro, Massimo Bray.

Una rivoluzione nella didattica e nell’offerta formativa, progettata e strutturata come factory multidisciplinare dove apprendere l’arte e la tecnica della scrittura in tutte le sue sfumature: scrittura giornalistica, web writing, scrittura narrativa, scrittura per il fumetto, sceneggiatura, scrittura metrica e song writing.

Standard europei, stile italiano e docenza di eccellenza le hanno fatto guadagnare il patrocinio dell’Istituto Italiano dell’Enciplopedia Treccani per il suo valore scientifico. Partner della Scuola delle Scritture sono, tra gli altri, NEMECH New Media for Cultural Heritage dell’Università di Firenze, L’Espresso, Il Festival della Lingua Italiana.

Press:

radiocittafutura