Chi siamo

ReWriters è una testata giornalistica digitale registrata al Tribunale di Roma (n. 17/2020 del 30 gennaio 2020) di Eugenia Romanelli, Presidente dell’Associazione Culturale ReWriters. L’Associazione ha la mission di diffondere i principi del Manifesto ReWriters, a cui si ispira il Movimento Culturale rappresentato dal cultural brand ReWriters, marchio registrato di cui l’Associazione è licenziataria in via esclusiva. I “rewriters” riscrivono la materia dell’oggi a partire dalla cultura: performing art, on screen, musica, sessualità, letteratura, moda, comics&games, food&wine, clubbing, tecnologia e web, cultura queer, post feminism, travel, diritti, cooperazione, solidarietà, integrazione, identità europea, salute, astrologia, bambini e infanzia, animali, ambiente, sostenibilità, satira, sport.

Il Mag-Book
L’Associazione promuove i valori del suo Manifesto rappresentati dal cultural brand ReWriters anche attraverso una collana editoriale indipendente e autoprodotta, un mag-book – libro tascabile mensile con la copertina da collezione creata in esclusiva per ReWriters dagli artisti Sten Lex e ivan: dentro, una pioggia di articoli di grandi firme della contemporaneità e di giovanissimi (under 25) che, con sguardo di rottura e indole freak, raccontano fenomeni presenti, passati e futuri di ciò che accade nelle varie declinazioni della cultura internazionale con il doppio obiettivo di guidare il lettore alla scoperta di un nuovo mondo artistico e culturale ad alto tasso di godibilità e di qualità, e di stimolare il pensiero critico sul modo in cui viviamo. Dal gennaio 2021 la collana editoriale passa dalla direzione di Ernesto Assante a quella di Vera Risi e Eugenia Romanelli, inaugurando la partnership con The Factory Paper, e lancia 12 numeri monotematici: Pianeta terra, Moda, Queer & Co, #PostFeminism, Salute, Food&Wine, Musica e arti, Solidarietà-diritti-integrazione, Tecnologia e web, Comics&Games, Sullo schermo, Animali.

La community
Il sito rewriters.it, oltre ad ospitare la testata digitale ReWriters e veicolare l’omonimo cultural brand, è anche un aggregatore di blogger, vlogger, youtubers, podcasters (testi, voce, foto, video), in linea con i principi del Manifesto. I Rewriters della community rewriters.it sono i nostri autori (che sono quindi in contatto diretto con i nostri lettori) ma anche gli stessi lettori del magazine che, oltre a fruire dei contenuti che produciamo, sono essi stessi produttori di contenuti – attraverso il gruppo Telegram di ReWriters – in quanto si riconoscono appunto, nella nostra community di “riscrittori”. La nostra community si ritrova anche su Spotify – ReWriters, un account che raccoglie le playlist di tutti coloro che vogliono esprimere il loro “rewriting” attraverso un mood musicale.

La radio
Fiore all’occhiello è ReRadio, la radio di Ernesto Assante che trasmette h24 anche da Repubblica.it, con un palinsesto Rewriters in collaborazione con Angelo Pinna. Nella programmazione si può ascoltare di tutto, dalla world music alla dance, dall’hip hop alla canzone, dal reggae al pop, con una selezione di brani che spazia tra stili e suoni sempre diversi, con un occhio di riguardo alla grande storia del rock. Oltre alla musica ci sono anche una serie di trasmissioni, dal Podcast Show con Gino Castaldo, alle serie dedicate agli anni Ottanta o agli anni Duemila, condotte da Prince Faster, alle selezioni dance, i “Mix it up” di Alessandro Amati, alle conduzioni musicali di Marta Squicciarini e Maura Cenciarelli. ReRadio può essere ascoltata via smartphone, computer e tablet e viene aggiornata ogni mese.

La foto del giorno
Una sezione è dedicata alla fotografia: il progetto Daily Pic, in collaborazione con la fotografa Letizia Battaglia e la galleria fiorentina Crumb Gallery – Women in arts, seleziona ogni giorno giovani talenti e li lancia sul giornale digitale e sui canali social di ReWriters, con la possibilità di essere selezionati da Letizia Battaglia per esporre in una collettiva presso una galleria scelta da ReWriters o presso Crumb Gallery – Women in arts di Firenze: Crumb, infatti, insieme a ReWriters, ha lanciato una Call 4 Artists riservata alle donne dal titolo Cherchez la femme. La copertina invece, foto che apre quotidianamente il nostro sito, è uno scatto inedito a firma del maestro Fabio Lovino e si ispira al tema del mese, scandito dal mag-book.

La vignetta del giorno
La sezione dedicata al vignettismo, alle illustrazioni e al fumetto è invece curata dal giovanissimo illustratore Luca Papini, in arte Er Burasca, e dal maestro Fabio Magansciutti, in collaborazione con la scuola di illustrazione Officina B5 e sostenuta da Vauro: ogni giorno seleziona una vignetta, disegnata da giovani talenti emergenti o da grandi firme del campo, e la lancia sul giornale digitale e sui canali social di ReWriters, con la possibilità di essere selezionati per esporre in una collettiva presso una galleria scelta da ReWriters o presso Crumb Gallery – Women in arts di Firenze, entrambi partner di ReWriters.

Il Premio
Infine, il Premio ReWriters: vinto nella prima edizione del 2020 dall’atleta paralimpica Bebe Vio, e nell’edizione 2021 da Serena Dandini, ogni anno il nostro movimento culturale premia con un’opera d’arte chi ha contribuito a riscrivere l’immaginario della conteporaneità.

ReWriters Live
Ogni mese, siamo in diretta streaming su Facebook, YouTube e Instagram, e sui canali social dell’Associazione Save The Women, nostro partner: si parla di performing art, on screen, musica, sessualità, letteratura, moda, comics&games, food&wine, clubbing, tecnologia e web, cultura queer, post feminism, travel, diritti, cooperazione, solidarietà, integrazione, identità europea, salute, astrologia, bambini e infanzia, animali, ambiente, sostenibilità, satira, sport, imprenditori e imprenditrici e politica. Inoltre, l’ultima settimana del mese, Eugenia Romanelli duetta con la performer Arianna Porcelli Safonov.

ReWriters Fest. Riscrivere la contemporaneità
La prima edizione del festival è a settembre 2021, a Roma, con la direzione artistica di Ernesto Assante e Eugenia Romanelli. Ogni anno, i riscrittori e le riscrittrici del nostro movimento culturale incontrano la società civile con sessioni tematiche varie che vanno dai post femminismi, alla cultura queer, dalla sostenibilità alle nuove frontiere della tecnologia, del food e della salute, oltre a tanti altri focus. Intellettuali, accademici e accademiche, scrittori e scrittrici, giornalist*, influencer, scienziat*, changemakers, opinionisti si confrontano sulla riscrittura dell’immaginario della contemporaneità per costruire nuovi scenari di significazione capaci di orientare le prossime generazioni nello sviluppo di buone pratiche. In contemporanea: mostre d’arte, concerti live, aperitivi con presentazioni di libri, performances teatrali, dj set e incontri con artisti.

ReWriters è multicanale: scopri il nostro modo di comunicare attraverso i social, TikTok compreso, e iscriviti alla nostra newsletter mensile!


logo-rewriters

Team ReWriters digitale:
Direttore Responsabile: Eugenia Romanelli
Condirettore: Vera Risi
Copertina: Fabio lovino
Web Master: Studio ViaColombo
Supporto grafico: Ilaria Cazzola
Fake News Hunter: @fobia82

Team ReWriters Mag-book:
Responsabile Editoriale: Vera Risi, Eugenia Romanelli
Copertina: Sten Lex; ivan
Progetto Grafico: Ilaria Cazzola
Stampa e spedizione: The Factory Paper

Team ReRadio:
Direttore: Ernesto Assante
Vice direttore : Angelo Pinna

Team Daily Pic:
Responsabile della Fotografia: Elena Fabretti
Giuria: Letizia Battaglia
Partner: Crumb Gallery – Women in arts

Team La vignetta del giorno:
Responsabile: Fabio Magnasciutti
Partner: Officina B5 scuola di Illustrazione

Team Comunicazione:
Ufficio Stampa: BPress
Pubbliche Relazioni: Francesca Lovatelli Caetani
Event Management: Double Studio
Social Media Management: Brave Solutions
Telegram Manager: Eugenia Romanelli
Tiktok Artist: TheGenderQueen – Carlo Marchese
Spotify Playlister: Lorenzo Tiezzi feat. Nu-Zone

Direttore artistico: Ernesto Assante
Progettista: Anna Chiara Forte
Special Thanks to: Andrea Bugno e Michela Melone

Sede creativa: Artkademy, Milano

Consulenza legale: Studio Forte

Comitato Scientifico

Aderisco al Comitato Scientifico perché ho imparato da tempo, condividendo esperienze professionali e ipotesi di ricerca con amici scienziati, che il lavoro di gruppo è più prezioso di quello individuale. Soprattutto quando la differenza (di idee, punti di vita o posizioni) prevale sull’omologazione.

Aderisco al Comitato Scientifico per dare una mano a questo lavoro di riscrittura che vuole aiutare le nuove generazioni a costruire un nuovo immaginario e nuove rappresentazioni libere.

Aderisco al Comitato Scientifico perché sono uno spirito libero e credo che oggi, più che mai, ci sia bisogno in Bioetica di un pensiero libero che non si limiti ad applicare vecchie categorie a nuovi problemi, ma accetti audacemente la sfida dell’immaginazione e della creatività.

Aderisco al Comitato Scientifico perché ReWriters è un progetto politico, nell’accezione della polis, della responsabilità verso il bene comune. Perché abbiamo l’obbligo di ripensare radicalmente i modelli di governo, di coesione sociale, di convivenza con le intelligenze non umane, la partecipazione attiva in quanto esercizio di democrazia. Perché ReWriters è un percorso generativo che si alimenta di Cultura, l’unica in grado di alzare l’asticella del senso del possibile.

Aderisco al Comitato Scientifico perché in un mondo di leader maschi autocentrati credo si utile il pensiero collettivo delle donne.

Aderisco al Comitato Scientifico per lo slancio autentico con cui ReWriters, dal basso e con voci plurali, sta cercando di riscrivere il nostro presente per un futuro più sostenibile e ci affianchiamo a questa operazione multipotenziale di changemaking.

Aderisco al Comitato Scientifico perché un mondo nuovo bussa alla porta ed è arrivato il momento di spalancarla. Proveró a portare l’antica passione radicale per un futuro più giusto.

Aderisco al Comitato Scientifico perché mai come in questo momento abbiamo bisogno di officine collettive di pensiero e pratiche. Luoghi per ri-scrivere (re-write) il nostro modo di stare insieme.

Aderisco al Comitato Scientifico perché, da quando è scomparsa la sinistra, non appartengo più a niente. Sono stufa di pensare da sola. Voglio ripartire da un gruppo di gente che pensa insieme.

Aderisco al Comitato Scientifico perché penso che sia la stanza in più di ReWriters. Una stanza di riflessione anticonformista per un’idea di società consapevole e libera, propria di una delle poche iniziative partite dal basso e innovatrici nella comunicazione del nostro paese. 

Aderisco al Comitato scientifico perché mi riconosco nel Manifesto di ReWriters. Credo nella comunità bella (non la community), e nel potere dirompente della consilienza, quel _jumping together_  che, se fatto all’unisono, può far tremare la terra. Parliamo incessantemente, ora più che mai, dei nostri timori, delle nostre frustrazioni e dei nostri dubbi, ma parliamo raramente dei nostri sogni. E’ arrivato il momento di parlarne.

Condividi: